Aiutare senza Confini

Aiutare senza Confini

Resoconto | 2016

Altre notizie
La sartoria The Happy Tailor
Cosa facciamo
Per i bambini in Thailandia le uniformi sono molto importanti. Le uniformi regalano loro un’identità e offrono una protezione. Le uniformi mostrano che i bambini frequentano e appartengono ad una scuola e che ogni giorno c’è qualcuno che gli aspetta. Indossando l’uniforme evitano la sconcertante possibilità di essere arrestati come possibili illegali o di cadere come vittime del traffico di persone. Spesso l’uniforme è il vestito migliore dei bambini e loro sono fieri di indossarla.

L’importanza di questi motivi ci ha spinto a fondare nel 2008 „The Happy Tailor“. Da allora lì vengono cucite le uniformi per i bambini e gli insegnanti di tutte le 16 scuole Ray of Hope. Lì donne migrate e rifugiate ricevono la possibilità di avere un lavoro sicuro con condizioni di lavoro oneste.

La capacità della sartoria è cresciuta in maniera costante e oggi produce un assortimento di capi di abbigliamento, borse, coperte e tendaggi. I prodotti sono di ottima qualità e il prezzo è leggermente superiore alla media del mercato locale. Questo è dovuto soprattutto dagli stipendi onesti dei dipendenti. Per generare quindi un reddito vengono accettati anche ordini dall’esterno. Con questi ordini la sartoria è stata in grado negli scorsi anni di ricavare circa 104.379 Baht (ca. 2.670 €). L’ordine più consistente è giunto dall’organizzazione ActNow, che ha richiesto 5.000 cartelle “Happy Bag”.
Nei locali della sartoria vengono organizzati corsi di formazione ed esercitazioni regolari. Nella nostra sartoria sono impiegate attualmente 12 donne, che nel 2016 hanno cucito più di 3.500 set di uniformi per la scuola.
Prodotti Quantità prodotta
2014
Quantità prodotta
2015
Quantità prodotta
2016
Uniformi per la scuola (set per scolari e maestri) 1.804 2.594 3.545
Ordini da organizzazioni e clienti 1.638 3.598 6.196
Ordini Rays of Youth 176 107 884
Ordini dall’Alto Adige 916 845 1.397
Uniformi sportive 2.316 - -
Totale 6.850 7.144 12.022

I nostri obiettivi
Generare un reddito, in particolare per le donne rifugiate.

Creare un ambiente lavorativo sicuro, con condizioni di lavoro oneste.

Organizzare lezioni di cucito per genitori, insegnanti e scolari delle scuole per rifugiati.

Produrre le uniformi scolastiche per bambini, ragazzi e maestri delle nostre 16 scuole Ray of Hope.

Grazie!

Vogliamo ringraziare di cuore Hanns Engl Werkzeugbau SNC per il sostegno alla nostra sartoria.

Nel 2016 abbiamo investito 66.193 € pari a 11,5% del totale delle nostre spese nella sartoria The Happy Tailor.
Alimentazione e agricoltura
A causa di cambiamenti strutturali e finanziari, alla fine di marzo 2016 ha chiuso l’attività della cucina „yummy“. Fino ad allora abbiamo fornito pranzi sani ed equilibrati per 8 scuole e 5 case famiglia nei dintorni di Mae Sot. Da gennaio fino ad aprile sono stati preparati 120.744 pranzi. Le case famiglia vengono rifornite attualmente con il riso. I bambini ospitati ricevono un pasto caldo 3 volte al giorno.

Nel settembre 2017 scadrà il nostro contratto d’affitto per il terreno. Così già nel 2016 abbiamo iniziato a trasferire le nostre attività agricole nei cortili delle scuole, invece che creare un giardino centrale. Il raccolto e la vendita dei prodotti contribuiscono al reddito delle scuole.

Abbiamo aiutato a realizzare dei giardini nelle scuole e organizzato dei seminari per insegnanti e genitori ed insegnato loro come seminare, coltivare e raccogliere vari tipi di frutta e verdura.

Oltre ad attività agricole, alcune scuole hanno anche degli animali, come per es. polli, oche, maiali ed un laghetto di pesci. Le uova e gli animali coprono il sostentamento oppure parte viene venduta creando profitto. Le iniziative mirate all’auto-finanziamento sono molto importanti per i bambini perché contribuiscono a mantenere il loro accesso costante all’istruzione.

Grazie!

Vogliamo ringraziare di cuore la famiglia Zeschg per il sostegno al progetto agricolo!

Nel 2016 abbiamo investito 38.489 € pari a 6,6% del totale delle nostre spese nel nostro progetto sull’alimentazione e agricolo